Home Italiano English Español Nederlands Svenska Dansk Deutsch Ruski 繁 Tutte le pagine Chi siamo Contatti
 
Avatar

Avatar
Alla fine del 2009, il film "Avatar" diretto da James Cameron venne proiettato per la prima volta. Ebbe recensioni entusiasmanti in tutto il mondo ed un successo enorme al botteghino. Considerando i vari "Making of" (brevi documentari chiamati anche "dietro le quinte"), divenne chiaro che c'erano parecchi aspetti eccezionali nella concettualizzazione di questo film che fino ad ora non sono stati quasi menzionati. Lo stesso James Cameron non ci prestò molta attenzione.

Avatar

Il produttore Jon Landau racconta in uno dei video (1) che James Cameron ricevette il copione di Avatar nel 1995 in sogno. Inoltre (2) due scenografi hanno affermato che sembrò proprio che Cameron non si inventasse il mondo di Avatar ma che lo ricordasse: "Non era come se si inventasse un mondo. Era qualcosa che aveva visto ed ora ce lo stava descrivendo. Io penso che ci sia stato. Ha scritto un diario di viaggio su di esso e ce lo ha riportato, affinché lo ricreassimo."

Viaggio astrale

Sembra impossibile che Cameron sia veramente stato su un altro pianeta. Quando si evolve spiritualmente, però, si impara che lo spirito è capace di viaggiare separato dal corpo fisico, anche verso dimensioni superiori. Tramite la meditazione ma anche tramite l’ipnosi, la regressione oppure la visione a distanza, per esempio, lo spirito può dare un’occhiata a posti in cui non si può essere fisicamente presenti in quel momento.

Nei messaggi pervenutici dalle dimensioni superiori, come le canalizzazioni, viene spesso affermato che anche il nostro spirito fa molti viaggi durante il sonno, a volte nei posti più straordinari, come il paradiso, altri pianeti od astronavi. Spesso questo accade su invito di una entità superiore. Essa può essere una guida o lo spirito di una persona amata e deceduta che desidera insegnare o chiarire qualcosa. A differenza della meditazione, normalmente dimentichiamo i nostri sogni quando ci risvegliamo. Riusciamo a ricordarci solamente sogni estremamente chiari ed emozionanti.

Ne sorgono le domande: il mondo di Pandora si basa su un pianeta effettivamente esistente? Lo spirito di James Cameron venne portato in tale luogo durante il sonno?

Il mondo di Pandora

  Alfa Centauri

Un altro aspetto rilevante di Avatar è che il mondo in cui la storia si svolge, Pandora (3), è una luna della costellazione di Alfa Centauri. Questa stella doppia è in effetti il vicino più prossimo del nostro sole nella Via Lattea.

Dal circuito delle 'black ops' sappiamo che Alfa Centauri è uno dei luoghi extraterrestri che sono già stati visitati da terrestri. Non affrontando lunghi anni di viaggio nello spazio, come nel film, ma utilizzando gli stargates. Un po’ di tempo fa, uno "whistleblower", Arthur Neumann (conosciuto con lo pseudonimo di 'Henry Deacon') ha riferito che esistono tre pianeti attorno ad Alfa Centauri che sono abitati da umanoidi (4). Uno è un pianeta deserto dove vivono persone dall’aspetto latino ma gli altri due sono mondi pieni di vegetazione tropicale. Lì ci vivono delle persone bellissime, di un verde scuro. le donne di questa specie hanno un po’ l’aspetto mediterraneo, con capelli scuri. Principalmente comunicano per via telepatica.

Ci sono notevoli somiglianze con Avatar (soltanto il colore è differente). Perciò ritorna la domanda: ci potrebbe essere più verità nel mondo di Avatar di quando pensiamo? Lo spirito di James Cameron ha effettivamente fatto un viaggio guidato in uno di questi pianeti o sulle lune attorno ad Alfa Centauri?

E se sì, perché? Era previsto che Avatar ci preparasse per il tempo che sta arrivando, un tempo di amore e di spiritualità, di vita in armonia con la natura? Era forse un test per verificare quanto l’umanità era aperta all’idea dell’esistenza di umanoidi su altri pianeti?

Possiamo solo cercare di indovinare. Almeno è incoraggiante sapere che la reazione ad Avatar è stata travolgente in tutto il mondo e che il fenomeno della canalizzazione, una nuova visione di Dio ed una considerazione "non-hollywoodiana" degli alieni, sono stati accettati senza difficoltà.

Senza dubbio questo film ha fatto alla nostra coscienza collettiva un grandissimo bene.

Neytiri

  Più vicini di quanto si pensi

Per concludere: dopo la premiere di Avatar nei media si lesse di persone che contemplavano l’idea del suicidio (5) perché il mondo dei Na'vi era così meraviglioso che non si sentivano più a casa nel durissimo mondo in cui viviamo.
Essi saranno certamente sorpresi nel prossimo futuro quando scopriranno che l’uomo è già arrivato su questi mondi, e non solo su altri pianeti ma persino 700 miglia proprio sotto i nostri piedi!

------------------------------------------------------------------------------------


Share |



Un grazie sentito a tutti coloro che, con una donazione, desiderano aiutare il nostro lavoro
Grazie mille !!

he's a spacer