Home Italiano English Español Nederlands Svenska Dansk Deutsch Ruski 繁 Tutte le pagine Chi siamo Contatti
 
La Coscienza

La Coscienza
Tutto ciò che esiste ha una coscienza. Non può essere diversamente perché tutto è costituito dai medesimi fotoni, i mattoni della luce che formano la base degli elettroni, degli atomi, delle molecole, ecc. Questi mattoni sono parte del Creatore, che ovviamente è un essere cosciente.

Non tutto ciò che esiste, tuttavia, ha la medesima coscienza. Le piante hanno una coscienza inferiore a quella umana e noi umani abbiamo una coscienza inferiore rispetto agli esseri superiori, come molti alieni ed esseri proveniente da dimensioni superiori.

Penso quindi esisto!

Il Creatore separa costantemente infinite particelle di sé che iniziano la lunga strada dell'evoluzione. In questo modo l'essere supremo fa esperienza di sè in una varietà infinita di forme, vibrazioni, profumi e colori – ed è l'idea che sta dietro l'intera creazione.

Quando una particella si stacca dal Creatore forma la propria coscienza che da quel momento può essere definita un' anima. Tale anima inizia il proprio viaggio esplorativo e vuole, da quel momento in poi, una sola cosa: ritornare, a suo modo, all'amore del Creatore. Pertanto, fa esperienze per il resto della sua esistenza, impara da esse e si evolve, innalzando la propria coscienza passo dopo passo. In questo modo le sue vibrazioni si innalzano un poco alla volta finché alla fine raggiungerà la vibrazione più alta e tornerà a diventare Uno di nuovo, con la Fonte, il Creatore.

L' innalzamento delle vibrazioni avviene solo quando si impara come funziona la creazione e quale è il suo scopo. Ogniqualvolta si padroneggia la conoscenza che è verità e si vive secondo tali principi, vengono elevate sia la coscienza che le vibrazioni.

"Ciascuno di voi risuona ad una sua propria frequenza. Essa cambia man mano che il cuore aumenta la propria conoscenza e la propria comprensione." - La Federazione Galattica , canalizzata da Blossom Goodchild, il 14 luglio 2012

Essere coerenti con ciò che si dice

E' davvero importante vivere secondo le proprie idee e la propria verità perché, se non le si seguono, la nostra essenza non cambierà. Potete, ad esempio, credere che tutti siamo parte di Dio, in un tutt'uno ma se nel contempo cercate di far carriera e di accumulare beni senza interessarvi troppo al destino dei meno fortunati, non migliorerete affatto.

Se invece credete che l'amore sia la cosa più importante della vita ma nello stesso tempo portate rancore a chi vi ha trattato male, allora non eleverete per niente la vostra coscienza. Soltanto quando si perdona sinceramente tutti e ci si sforza di farsi perdonare da chi ancora vi porta risentimento, si fa un nuovo passo avanti nella propria evoluzione.

"Il perdono è la fragranza che la violetta sparge sul tacco che l'ha schiacciata." - Mark Twain

Tutto viene registrato dalle vostre guide negli Archivi Akashici (una specie di archivio della vita sulla Terra).Perciò, quando i giochi sono fatti, non ci può essere alcun dubbio sulle scelte che avete fatto.

Ovviamente si dovrebbe evitare sempre la creazione di karma perché portare del karma vi rende più pesanti.

Che cosa è vero?

Scoprire la verità sembra più facile di quanto in effetti lo sia perché quando si ricevono nuone notizie non si ha la garanzia che corrispondano alla verità. Dovrete discernere da voi stessi. Ecco perché tante persone alzano le spalle al sentire notizie come quelle, ad esempio, che si discutono in questo sito. Preferiscono considerarle "fasulle",oppure correlate alla "teoria della cospirazione " o "confuse e vaghe", piuttosto che cambiare atteggiamento mentale ed esaminarle.

Nel nostro mondo è perfino più difficile che su pianeti 'normali' perché abbiamo a che fare con un sistema nel quale i dominatori cercano di nascondere la verità alla gente. Questo infatti la rende più facile da controllare mentre nella maggioranza degli altri pianeti la gente ed i suoi rappresentanti lavorano insieme per rendere la vita il più facile possibile per tutti e per condividere tutta la conoscenza. Ecco perché la Terra è considerata una scuola difficilissima ma nella quale nel contempo si può imparare tantissimo, se si sta attenti!

Sul palcoscenico per la prima volta

Quando un'anima si stacca dalla Fonte deve iniziare da zero. E' del tutto vuota e praticamente non sa niente. Sa solo che la vita si divide in due parti, una parte "dietro le quinte" ed una parte sul palcoscenico e che quest'ultimo è il luogo in cui si possono acquisire esperienze.

Non avendo mai avuto una forma, i primi passi sono delle esperienze in cui non è previsto un cervello. Può addirittura diventare cose che secondo noi non hanno vita come un minerale, una pietra o forse un orsacchiotto. In tutto quel periodo fa esperienza della forma ed anche capisce ciò che sta accadendo intorno ad essa. Va ben al di là del semplice "vedere" perché essa percepisce anche i pensieri e le sensazioni degli esseri viventi che la circondano.

L'acqua

Questa presenza di coscienza può venir ben misurata con l'acqua. L'acqua risponde immediatamente all'energia del suo ambiente. Lo scienziato giapponese, Dr. Emoto, per esempio, ha fatto degli interessanti esperimenti al riguardo (1). Ha mostrato che i cristalli d'acqua assumono forme completamente differenti quando vengono in contatto con certe parole come "amore" oppure "idiota". Potete fare voi stessi questo esperimento con del riso.

Presso l'università di Stoccarda sono state fatte scoperte sorprendenti a questo riguardo (2). La struttura formata dalle molecole d'acqua cambia istantaneamente quando viene in contatto con una certa persona oppure quando vi viene messo dentro un fiore o quando si aggiunge dell'altra acqua con una struttura differente.

Il più ben cristallo d'acqua scoperto dal Dott. Emoto era formato dalla combinazione delle parole "Amore e gratitudine"

Il più ben cristallo d'acqua scoperto dal Dott. Emoto era formato dalla combinazione delle parole "Amore e gratitudine"


La flora

Quando un'anima e le sue guide accertano che essa ha imparato le sue lezioni a sufficienza, le viene permesso di fare un passo avanti. Può diventare, per esempio, una pianta od un albero. Tale forma di vita ha già più possibilità di rispondere al proprio ambiente di un minerale o di una pietra ed è più sensibile all'energia che la circonda. Ecco perché le piante crescono rigogliose quando si è gentili con loro ed invece sono stressate quando avvertono negatività, per esempio quando si minaccia di bruciarle (3).

Ad esempio, si può notare che una pianta ha una consapevolezza limitata dal modo in cui una vite si aggrappa ad un muro od ad uno steccato, in direzione del sole. I viticci con i quali si aggrappa spesso mancano i posti migliori dove attaccarsi e dopo questo a volte pende verso il basso, come senza speranza.
Tuttavia una pianta riesce anche ad imparare dalle sue esperienze. Con l'esperienza necessaria, potete anche insegnarle a far musica (4). Un pianta può passare ciò che ha imparato alle piante vicine.

I viticci della vite sembrano muoversi a caso e spesso finiscono per aggrovigliarsi tra di loro

I viticci della vite sembrano muoversi a caso e spesso finiscono per aggrovigliarsi tra di loro


Magnifico, un cervello!

Una volta che un'anima ha completato queste lezioni con successo, la cosa diventa davvero interessante. Essa si incarna come un essere dotato di cervello. Avere un cervello significa anche quasi sempre potersi muovere liberamente e pertanto essa può quasi sempre scegliere le proprie esperienze, da quel momento in poi. Questo non solo comporta possibilità senza precedenti ma anche una grandissima responsabilità perché le sue azioni avranno più che mai un effetto sugli esseri che la circondano.

Avere un cervello, tuttavia, non offre solo vantaggi perché esso inizia una nuova vita completamente vuoto, è ancora una pagina nonscritta. Non è più possibile percepire le sensazioni ed i pensieri degli esseri attorno a voi, senza far fatica. Se si desidera questo bisogna addestrare il cervello.
Essere un tutt'uno con gli altri e con Dio non è più ammesso. Quando si cresce in un mondo dove quasi sempre "ciascuno bada solo a sè", come abbiamo imparato noi qui in occidente, si può facilmente pensare che questa sia la verità!

"La mente è la parte più stupida dell'essere umano." - Dolores Cannon, ipnoterapista

Ecco perché ci vogliono innumerevoli incarnazioni per terminare questa scuola della terza dimensione e raggiungere una consapevolezza superiore sufficiente per fare una passo avanti. Alla fine, quasi ogni anima ci riesce e questo viene chiamato "ascendere". Sebbene sia possibile per un essere umano fare questo passo mentre è incarnato in un corpo (ci parla di questo, fra gli altri, il libro "La profezia di Celestino" di James Redfield), ciò accade raramente. Normalmente c'è, come sempre fra due vite successive, un soggiorno dietro le quinte. Vale a dire, si muore, si va in cielo e dopo ciò, si inizia la fase seguente.

Aiuti per il cervello

La vita è una lunga fila di scelte ed a volte è difficile per un cervello senza esperienza decidere quale sia la scelta giusta. Per questo l'aiuto arriva da molte parti. Funziona così: la vostra coscienza attuale, che voi percepite come "Io", è la vostra anima attuale. Proprio come il cervello, ha iniziato la vita da zero ed ora viene "riempita" di esperienze ogni secondo della sua vita. Le vostre vecchie anime, però, esistono ancora in una dimensione superiore. Esse sono per sempre un aspetto della vostra superanima, chiamata anche "Sé Superiore" oppure "la Coscienza Superiore ".

Nella vostra coscienza superiore non esiste il tempo e tutta la conoscenza è liberamente disponibile. Per questo coloro che possono canalizzare la propria coscienza superiore, come il medium Edgar Cayce nel secolo scorso, sanno esattamente quali siano i problemi delle persone che si rivolgono a loro per una consultazione.

Quelle vecchie anime comunicano con voi attraverso il cuore e vi aiutano a fare la scelta giusta. Vi aiutano anche le vostre guide ed il vostro Sé Superiore e cercano di farvi procedere per la strada giusta. Per così dire, sono la vostra coscienza.

Tuttavia, attraverso il cuore non vi arrivano solo dei buoni consigli, a volte le vecchie anime sono spaventate e danneggiate da ciò che hanno vissuto. Anche se qualcosa di traumatico è stato vissuto molte vite prima, può ancora causare ogni tipo di paure e deviazioni "inspiegabili". Per liberarsene, bisogna affrontare una terapia od una guarigione.

Quando si acquieta la mente, come durante una meditazione, i vostri aiutanti hanno la possibilità di passarvi i loro messaggi in maniera più chiara e ciò aiuta la crescita della vostra consapevolezza

Quando si acquieta la mente, come durante una meditazione, i vostri aiutanti hanno la possibilità di passarvi i loro messaggi in maniera più chiara e ciò aiuta la crescita della vostra consapevolezza


  La vita nell'aldilà

Quando una vita termina l'anima lascia il corpo morente. Passa attraverso la ghiandola pineale situata nella testa e porta con sé tutte le esperienze fatte, tutti i pensieri e tutti i ricordi. Le persone che hanno vissuto un'esperienza di pre-morte (5), (6), (7), (8) e (9) spesso affermano "la mia intera vita mi è passata davanti agli occhi ".

Dopo di ciò, l'anima si ritrova per un po' in una specie di "terra di nessuno". Viene spesso descritta come uno spazio scuro o grigio/blu con una debole luce in lontananza. L'anima allora vede sotto di sé il proprio corpo, senza vita. Può essere un'esperienza sbalorditiva, specialmente per chi non credeva in una vita dopo la morte.

Anche se esistono delle anime che non si considerano pronte per il paradiso ed indugiano nei luoghi e vicino alle persone conosciute in vita, la maggioranza delle anime vede la debole luce sempre più chiara. Esse diventano consapevoli della presenza di una guida o di un loro caro disincarnato che le aiuta a proseguire verso la luce e quindi "passano nell'altro lato". In cielo ricevono un grande benvenuto da tutti i loro cari morti prima di loro, inclusi i loro animali domestici, ed ha luogo una gioiosa riunione.

Un volta in cielo (in alcuni casi anche prima), ogni anima deve giudicare la propria vita. Rivive non solo le proprie esperienze ma anche quelle di tutte le persone che ne sono state influenzate. Questo processo può a volte richiedere un lungo tempo soprattutto per coloro che hanno causato grandi dolori durante la propria vita. Una volta completato questa fase, l'anima può riposarsi ed iniziare a fare nuovi piani per l'incarnazione seguente (10).

La permanenza in paradiso, o "Nirvana" come sembra lo chiamino le stesse anime, è una storia a parte. Fra un po', gli dedicheremo un capitolo separato. La cosa più importante da sapere è che l'anima vive eternamente in paradiso e può completare la propria esistenza in tantissimi modi. Può intraprendere corsi, se lo desidera, per esempio su come comunicare con i propri cari rimasti sulla Terra (11). L'anima può godersi della musica e moltissimi altri divertimenti e, se è pronta, può anche far visita a civiltà aliene.

Non tutti arrivano allo stesso livello in paradiso, dipende da proprio livello spirituale, dalla propria vibrazione. Si incontreranno anime che sono all'incirca allo stesso livello. Quando è il momento giusto, l'anima si rende conto di far parte di una superanima che contiene tutte le altre anime che vivono in paradiso.
A chi desidera sapere di più sulla vita in Nirvana si raccomanda vivamente di leggere un libro di Suzanne Ward, "Matthew, Tell Me About Heaven" (12).

Prova scientifica? No, grazie

La scienza ufficiale continua ad affermare che la coscienza non esiste al di fuori del cervello. Essa dà le spiegazioni più inverosimili per le esperienze di pre-morte o per i ricordi di vite precedenti che emergono sotto ipnosi. Viene anche ignorato il fenomeno di chi, dopo aver ricevuto il cuore da un donatore, mostra altre preferenze, ha altri tratti ed anche ricorda avvenimenti che non ha mai vissuto.

Esistono anche casi di persone che, nate cieche, hanno visto per la prima volta sé stesse ed il loro ambiente durante un' esperienza di pre-morte . C'è anche uno studio su questo fenomeno (13).
Sono tantissimi i casi di pazienti, anestetizzati per delle operazioni al cervello e quindi senza attività cerebrale evidente, che riportano poi in dettaglio come si è svolta l'operazione e ciò che è stato detto in sala operatoria. Spesso sanno anche ciò che era stato detto nel corridoio vicino alla sala operatoria e nei bagni.

Nel campo della reincarnazione (14) e dei trapianti cardiaci (15) esistono casi sorprendenti ma per il momento la scienza ufficiale non dà risposte.

La coscienza collettiva

Oltre alla coscienza individuale, che noi tutti abbiamo, esiste anche una coscienza collettiva .

------------------------------------------------------------------------------------


Share |



Un grazie sentito a tutti coloro che, con una donazione, desiderano aiutare il nostro lavoro
Grazie mille !!

he's a spacer